Come sfruttare l’avvento delle “Comunità collaborative” basate sull’edge

Don Wiggins

“Scoprite perché l’interconnessione “in prossimità” è la chiave del successo”

Non è un segreto che la trasformazione digitale sta rivoluzionando lo status quo aziendale. Con la costante crescita dell’onnipresente cloud computing, in correlazione con la grande mole e la continua espansione di fonti di informazione in tempo reale, diverse aziende stanno reinventando il loro modo di fare business. La gestione delle scorte, le supply chain dinamiche, la sorveglianza sanitaria, i sensori industriali automatizzati, il trading ad alta frequenza e innumerevoli altri esempi di scambi digitali collaborativi continuano ad alimentare la crescita e il “bisogno di velocità”.

Il punto cruciale di tutto questo è la produzione, la condivisione e l’utilizzo di informazioni in tempo reale. I dati, un tempo beni molto ambiti e conservati in uno scantinato in un data center ad uso interno, vengono ora utilizzati come moneta di scambio nell’economia digitale. Il consumatore che si ferma un attimo per consultare il proprio conto in banca, le previsioni del tempo o un’email sullo smartphone, non sa dove queste informazioni così precise e veloci vengono custodite. All’insaputa dell’utente, tali informazioni composite sono state recuperate da diversi partecipanti all’economia digitale, che hanno fornito l’hosting, il trasporto, la pubblicità, le analisi e la visualizzazione delle informazioni sul display che ora è a “portata di dita”!

L’emergenza delle comunità collaborative

Per garantire questo scambio di informazioni quasi istantaneo è fondamentale adottare un nuovo approccio collaborativo. Le “comunità collaborative” sfruttano il potere della prossimità non solo per rispondere alle esigenze dell’economia digitale, ma per superarle. Abbandonando i data center obsoleti e isolati, le imprese hanno capito che possono guadagnare grazie a una maggior vicinanza con partner, fornitori di servizi, applicazioni, dati e reti che fa aumentare esponenzialmente la crescita e le opportunità.

Questo scambio di informazioni in tempo reale è a volte mal interpretato come un punto di intersezione virtuale nel cyber spazio. Ma in realtà, avviene entro i confini fisici di una delle oltre 175 strutture International Business Exchange™ (IBX®) di Equinix. Tali strutture sono posizionate strategicamente in tutto il mondo, dove si trovano gli ecosistemi delle imprese partner. Con Equinix, le imprese possono implementare una strategia di Interconnection Oriented Architecture™ (IOA™) sviluppata sulla Piattaforma Equinix™. Una strategia IOA consiste in un quadro architettonico comprovato e ripetibile in grado di connettere persone, luoghi, cloud e dati in modo diretto e sicuro. Consente alle aziende odierne e agli attuali fornitori di servizi di ri-architettare le proprie infrastrutture IT affinché passino da un modello chiuso e isolato a un modello integrato e dinamico.

Uno dei primi esempi pratici di tale strategia risale ai primi anni del duemila, quando i partner di trading che effettuavano diversi scambi finanziari dipendevano soprattutto da comunicazioni internet, che non erano il mezzo di comunicazione ideale per ricevere informazioni in tempo reale, requisito essenziale per questo settore industriale altamente specializzato. Cercando di aumentare i volumi di trading, molti di questi partner, spesso distanti svariati chilometri gli uni dagli altri, decisero di porre in colocation le loro applicazioni finanziare presso Equinix, approfittando così di connessioni dirette, ad alta velocità e bassa latenza tra i vari partner. Tutto ciò a pochi passi dai rispettivi punti di demarcazione. Ne è conseguita la creazione di una piattaforma di trading ad alta frequenza utilizzata globalmente.

Grazie all’efficienza dimostrata, all’aumento delle performance e all’espansione delle capacità, il nuovo ecosistema di trading digitale e in prossimità, basato sull’edge, ha permesso infine di misurare l’interconnessione dei servizi finanziari in microsecondi a una cifra, fattore essenziale per il successo.

Scegliere il digitale è la scelta più saggia

La velocità rimane uno dei maggiori fattori nella fruibilità dell’economia digitale, ma anche la scelta di partner digitali e nuove tecnologie è altrettanto importante. Da tempo abbiamo riconosciuto l’importanza della scelta, poiché Equinix è stata fondata sull’ideale della neutralità dei vettori. Forniamo le stesse condizioni a migliaia di provider di servizi che riuniscono una popolazione di clienti in crescita basati sull’edge, alla ricerca di un accesso rapido a una pletora di reti, cloud e provider di servizi gestiti, oltre che di partner commerciali.

L’interconnessione in prossimità è il collante

Sfruttando la neutralità dei fornitori, i nostri clienti in tutto il mondo hanno la possibilità immediata di effettuare scambi digitali e competitivi con numerosi partner industriali verticali e orizzontali.

L’interconnessione in prossimità: questa è la nostra idea di fare business. Come si può leggere nel rapporto Gartner, “L’interconnessione basata sulla colocation servirà da ‘collante’ per le applicazioni avanzate per il business digitale”:

Il business digitale è abilitato e rafforzato attraverso una comunicazione sicura, a bassa latenza e alta velocità, tra asset aziendali, risorse cloud e un ecosistema di service provider e peer. Architetti e leader IT devono considerare l’interconnessione in un data center carrier-neutral come un abilitatore di business digitale da integrare”.

Infine, come curatori di questo punto di intersezione globale tra acquirenti e venditori di servizi digitali, abbiamo deciso di differenziarci con l’utilizzo di tecnologie emergenti (ad esempio, integrazione API, networking software-defined, orchestrazione di servizi dinamica), e siamo divenuti un volano per future innovazioni. Implementiamo [I suggest to change: , continuando ad implementare] queste tecnologie per migliorare sempre di più la Piattaforma Equinix.

Abbiamo estrapolato, riassunto e pubblicato i migliori approcci dalle imprese e dai nostri clienti fornitori di servizi, per l’implementazione regionale basata sull’edge di reti, sicurezza, dati e applicazioni al fine di garantire performance ottimali all’utente finale.

Tutti questi approcci e schemi di progettazione sono disponibili nella Guida IOA. Scoprite come realizzare la trasformazione digitale della vostra impresa sfruttando l’interconnessione prossimale a una comunità collaborativa basata sull’edge.

Don Wiggins
Don Wiggins Senior Global Solutions Architect at Equinix