La differenza tra digital-first e cloud-first

GXI Vol. 5 rivela perché passare al cloud non è più sufficiente

Steve Madden
La differenza tra digital-first e cloud-first

Negli ultimi due anni, la pandemia ha costretto le aziende a digitalizzare i loro modelli di business, incrementando la domanda per i servizi digitali. Secondo il Sondaggio sulle tendenze tecnologiche 2020-2021 di Equinix (GTTS), il 47% dei decisori IT a livello globale riferisce di aver accelerato i propri piani di trasformazione digitale a causa della pandemia.

Nel giro di pochi mesi, i leader digitali di tutto il mondo che erano già pronti a implementare strategie digital-first sono riusciti a realizzare quello che in circostanze più tradizionali avrebbe richiesto anni, anche con l’implementazione di strategie cloud-first. Infatti, i leader digitali delle imprese e dei fornitori di servizi che hanno implementato strategie digital-first sono ora 4,5 volte più avanti nel loro percorso di trasformazione, secondo il report Global Interconnection Index (GXI) Volume 5, uno studio di mercato annuale pubblicato da Equinix.

The time for a digital-first strategy is now.

The Global Interconnection Index (GXI) is the industry’s leading source of data and insight on interconnection and its increasing impact on the digital world.

Get The GXI Report!
gxivol5

Perché passare al cloud non è più sufficiente

Una strategia cloud-first si concentra sulla trasformazione della tecnologia che serve i processi aziendali esistenti. Non c’è dubbio che tale strategia sia un passo importante, ma da sola non è più sufficiente per competere e conquistare i primi posti in un mondo digitale.

Una strategia digital-first utilizza la tecnologia per trasformare i processi di business. Le linee del business digitale e le strategie tecnologiche si intersecano per colmare i divari della performance nell’organizzazione, espandere le opportunità e ottenere ritorni materiali sugli sforzi di trasformazione digitale. Oggi, sia le aziende che intendono mantenere la loro posizione dominante sia quelle che lottano per la sopravvivenza sul mercato, devono passare tutte da una strategia cloud-first a una strategia digital-first.

Il GXI Vol. 5 rivela il modo in cui le organizzazioni stanno sviluppando le loro strategie digital-first

Secondo il GXI, l’economia digitale continua a spingere la larghezza di banda di interconnessione a livello mondiale,[1] per cui si prevede un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 44% entro il 2024, vale a dire 4 volte il totale globale del 2020. Si prevede, infatti, che la larghezza di banda di interconnessione sarà 15 volte più grande di Internet!

Tre macro tendenze promuovono una strategia digital-first

Il GXI Vol. 5 evidenzia le macro tendenze che plasmano la trasformazione digitale e delinea le strategie che i leader digitali stanno seguendo per diventare digital-first. Include al suo interno dettagli, per settore e area geografica, sulla dimensione e il tasso di crescita dell’attività di implementazione digitale che può informare la strategia digital-first di qualsiasi organizzazione.

I dati e le strategie seguite dai leader digitali delineano le seguenti tre macro tendenze:

  • Abilitazione dei servizi digitali: Il GXI mostra che negli ultimi due anni, con il passaggio al digital core da parte delle aziende, il tasso di adozione multicloud e multiregionale è triplicato.
  • Espansione della partecipazione digitale: Secondo il GXI, il SaaS rappresenta ora la principale voce di spesa IT mentre le aziende si spostano verso alternative aaS pubbliche e private.
  • Realizzazione della prossimità digitale: Il GXI rivela che i leader digitali hanno più che raddoppiato il loro tasso di espansione digitale negli ultimi anni.

Per una strategia digital-first è necessaria un’infrastruttura digitale

Una strategia digital-first incorpora tre componenti chiave dell’infrastruttura digitale per il successo: core digitale, ecosistemi digitali ed edge digitale.

  • Il core digitale è il luogo in cui le organizzazioni stabiliscono le fondamenta della loro piattaforma digitale. Il GXI mostra che il core digitale include il 20% delle sedi globali, per il 70% della larghezza di banda di interconnessione e della capacità dell’infrastruttura digitale.
  • Le imprese prendono parte all’economia digitale tramite gli ecosistemi digitali. Secondo il GXI, a livello globale, i fornitori di servizi si interconnettono in media con oltre 100 partner discreti.
  • L’edge digitale è dove la presenza digitale di un’impresa incontra il mondo fisico, consentendo la prossimità locale a clienti, dipendenti, endpoint e operazioni intelligenti. Secondo il GXI, l’edge digitale include l’80% delle sedi globali, per il 30% circa delle distribuzioni di infrastrutture e della larghezza di banda di interconnessione.

Infine, l’infrastruttura digitale richiede l’Interconnection Oriented Architecture® (IOA®) che rimuove la distanza tra gli oggetti connessi e interconnette direttamente i servizi in prossimità ottimizzando lo scambio bidirezionale di traffico, costituito da upload e download.

I fornitori di servizi iniziano le imprese alla trasformazione digitale

Le previsioni contenute nel GXI rivelano che, nel complesso, i fornitori di servizi consumeranno il 64% della larghezza di banda di interconnessione globale (13.794 Tbps) entro il 2024 e che i soli fornitori di servizi di rete costituiscono ben il 32% del mix globale. L’analisi comparativa dell’implementazione rivela un’espansione esplosiva verso l’edge da parte dei fornitori di servizi (quasi il doppio rispetto alla crescita del core), parallelamente all’espansione verso l’edge delle aziende ottenuta tramite la loro assistenza (per un CAGR del 57%).

L’ecosistema dei servizi finanziari spinge la crescita globale della larghezza di banda di interconnessione delle imprese

Si prevede che i servizi finanziari costituiranno più del 50% della larghezza di banda dell’interconnessione aziendale o il 18% della capacità globale in seguito all’incremento globale dell’e-commerce e dei pagamenti digitali durante la pandemia. Si stima che il settore manifatturiero diventerà il più grande leader dei servizi non finanziari, poiché si muove rapidamente verso la digitalizzazione dei modelli di business della logistica e della catena di approvvigionamento.

Le metriche di crescita e maturità mostrano notevoli variazioni nelle regioni America, Asia-Pacifico ed EMEA

Il GXI Vol. 5 mostra le previsioni a cinque anni della crescita annuale della larghezza di banda di interconnessione per regione, attraverso le metropoli core ed edge, le verticali di settore e il mix di partner commerciali, cloud e reti. Questi dati presentano un panorama diversificato delle tendenze regionali analizzate nel dettaglio nei blog regionali GXI:

  • Le Americhe sono la regione più vasta a livello globale e contribuiscono per il 47% alla larghezza di banda di interconnessione: si prevede una crescita ad un CAGR del 43% fino a raggiungere e superare 10.156 Tbps entro il 2024.
  • Si stima che la regione Asia-Pacifico (APAC) crescerà con un CAGR del 46% entro il 2024, fino a costituire il 28% della larghezza di banda di interconnessione globale.
  • La regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) dovrebbe crescere con un CAGR del 46% entro il 2024, contribuendo con 5.327 Tbps e rappresentando il 25% della larghezza di banda di interconnessione globale.

Leader digitali che hanno fatto il salto di qualità

I seguenti leader di imprese e fornitori di servizi hanno effettuato uno scatto per far progredire le loro strategie digitali, prima o durante la pandemia, e hanno ottenuto i seguenti risultati:

Oggi, sia le aziende che intendono mantenere la loro posizione dominante sia quelle che lottano per la sopravvivenza sul mercato, devono passare tutte da una strategia cloud-first a una strategia digital-first."

CDW: Il fornitore di servizi gestiti CDW ha rappresentato una vera ancora di salvezza per molte imprese sulla piattaforma Equinix®. CDW comprende nel profondo le sfide da affrontare per chi lavora in remoto in quanto l’azienda stessa ha implementato un’infrastruttura per supportare i propri dipendenti in smartworking, nonché i dipendenti dei suoi clienti globali. E continua a farlo con successo sulla piattaforma Equinix, lavorando a stretto contatto con un altro importante partner Equinix, Cisco®.

Catchpoint: La piattaforma di monitoraggio dell’esperienza digitale di Catchpoint fornisce rapidamente ai team IT Operations e DevOps una panoramica approfondita sui problemi di performance delle applicazioni moderne, prima che possano influire negativamente sull’esperienza dell’utente. Catchpoint è un cliente di Equinix Metal™ e il team di Equinix Metal utilizza quest’azienda e i dati che fornisce per aiutare i nostri clienti a conoscere e comprendere meglio come funziona Internet.

Siamo al terzo atto di Internet: la vicinanza e la bassa latenza stanno sbloccando una nuova ondata di innovazione. Come clienti Equinix di lunga data, sfruttiamo l’infrastruttura di molti data center in tutto il mondo per fornire ai nostri clienti globali funzionalità olistiche e proattive di monitoraggio dell’esperienza digitale. Utilizzando le informazioni critiche di Catchpoint, i nostri clienti monitorano e ottimizzano in modo proattivo le esperienze digitali di miliardi di consumatori e dipendenti in tutto il mondo. Equinix Metal ci consente di entrare in nuovi luoghi, democratizzando l’accesso all’edge, ed evidenziando la visione della piattaforma in espansione di Equinix. Vi abbiamo aderito e stiamo programmando l’implementazione in tutte le 18 nuove sedi di Equinix Metal.” - Mehdi Daoudi, Co-fondatore e CEO, Catchpoint

Fai il salto da cloud-first a digital-first

È giunto il momento di effettuare un balzo coraggioso verso una strategia digital-first. Il GXI presenta approfondimenti convincenti sui motivi per cui i leader digitali di imprese e fornitori di servizi in tutti i settori e in diverse metropoli devono passare da strategie cloud-first a strategie digital-first. Indipendentemente dal settore in cui operano e del loro stadio di maturità digitale, imprese e fornitori di servizi possono applicare le informazioni e le linee guida condivise nel GXI per iniziare o accelerare il loro viaggio digital-first:

  • Ottenere una visione preziosa delle macro tendenze e dei punti di riferimento chiave che plasmano la trasformazione digitale a livello globale, compresa la crescita a livello industriale della larghezza di banda di interconnessione.
  • Valutare cosa significa essere un’azienda digital-first sulla base delle strategie osservate e dei dati di benchmark di implementazione dei leader digitali sulla piattaforma Equinix, così da poter mappare e accelerare le proprie strategie.
  • Comprendere come progettare un’infrastruttura digitale per la miglior combinazione di core digitale, ecosistemi digitali ed edge digitale che consenta loro di diventare una forza dirompente, invece di subire interferenze.

Sfrutta il report GXI Vol. 5 per identificare le più importanti metropoli digitali core ed edge e le implementazioni degli ecosistemi industriali in linea con il tuo livello di maturità digitale, in modo da avviare le tue strategie digital-first e ottenere un maggiore vantaggio competitivo.

Ti potrebbe interessare anche:

Blog del GXI Vol. 5 sulle Americhe

Blog del GXI Vol. 5 sull’Asia-Pacifico

Blog del GXI Vol. 5 sull’EMEA

 

 

[i] La larghezza di banda di interconnessione è una misura, calcolata in bit/sec, della capacità fornita per lo scambio di traffico privato e diretto tra due parti, all’interno di centri dati di colocation carrier-neutral.

Steve Madden
Steve Madden Vice President, Global Segment Marketing